giovedì 8 novembre 2012

Alcool etilico denaturato, uso corretto e falsi miti

Alcuni prodotti per la pulizia della casa si utilizzano anche in svariati settori industriali, il loro uso senza una precauzione adeguata può causare gravi danni alla salute, la precauzione quando si maneggiano prodotti chimici è d'obbligo, guanti in nitrile ed una corretta aerazione possono evitare problemi futuri.

Oltre ai detersivi in casa esistono prodotti chimici molto pericolosi e spesso si acquistano senza scheda di sicurezza e l'ignaro utilizzatore li maneggia tranquillamente pensando che trovandoli dal ferramenta o al supermercato siano innocui o poco nocivi.


I prodotti chimici che comunemente si trovano in casa si utilizzano anche in molti settori industriali, lo scopo è il medesimo, cioè aggredire chimicamente la superficie su cui sono spruzzati, la scheda di sicurezza di un prodotto chimico dovrebbe essere sempre a portata di mano di chi lo maneggia e dovrebbe essere letta prima, nell'industria le schede di sicurezza sono a disposizione dell'addetto ma il più delle volte non vengono mai aperte.

I prodotti chimici più comuni in casa o nell'industria sono:
  • alcol etilico denaturato
  • alcol metilico (o metanolo)
  • acetone
  • trielina

L'alcol etilico denaturato è il classico alcol dal colore caratteristico rossastro che si trova dappertutto, molte sono le cose da evitare per maneggiare correttamente questo alcol:
  • non deve essere ingerito
  • deve essere usato in ambienti ben ventilati
  • non deve venire a contatto della pelle
  • evitare di spruzzarlo negli occhi

Se sulla prima di queste affermazioni si è tutti d'accordo le altre sembrano essere meno pericolose, in realtà il rischio ai danni della salute è alto anche negli altri tre casi; il contatto dell'alcol etilico denaturato con la pelle è cosi comune che le persone pensano non possa provocare danni, in realtà è vero ma solo se il contatto è causale e non ciclico.

L'alcol etilico denaturato è un agente pulente contro le macchie su vetro o piastrelle, viene utilizzato per pulire superfici ospedaliere per la sua efficacia contro virus e batteri (non su tutti), qualcuno pensa ancora che sia un disinfettante e qualcuno lo sua contro i dolori muscolari come unguento; l'effetto rinfrescante e vasodilatatore produce una sensazione temporanea di freschezza ma è bene sapere che l'evaporazione dell'alcol non è totale e un uso persistente è assolutamente sconsigliabile.

Impiegare alcol etilico denaturato sulle ferite provoca irritazione e bruciore, ciò è dovuto al danneggiamento delle proteine della pelle, i coaguli che si formano creano un terreno adatto alla formazione di germi; al contrario di quello che si crede il potere penetrante nei tessuti dell'alcol etilico denaturato è basso e non ha efficacia sulle spore, in questo caso è senz'altro più efficace l'acqua ossigenata

Un uso prolungato come nel caso di lavori industriali può portare una tossicità cronica specialmente se le concentrazioni di vapori sono alte (>5000 ppm):
  • irritazione delle mucose e del tratto respiratorio
  • dolori di testa
  • nervosismo
  • vertigini
  • tremori
  • affaticamento
  • nausea
  • problemi di concentrazione
  • alterazione del nervo ottico

Conclusioni
L'alcol etilico denaturato è quindi destinato alla pulizia di superfici dove è presente dello sporco persistente o unto grasso proveniente dalla cucina, l'abbattimento di virus e batteri sulle superfici è di media efficacia e solo i disinfettanti specifici riportano sulla confezione anche per quali agenti patogeni sono indicati; l'uso sporadico e costante per la pulizia deve comunque essere in assoluta sicurezza, se viene impiegato in grandi quantità deve essere ventilato l'ambiente e se il contatto con la pelle è possibile meglio impiegare guanti in nitrile (ottima resistenza chimica e meccanica).

25 commenti:

  1. buongiorno, perché in Italia usiamo l'alcool denaturato al 90% e in Spagna lo usano al 96%? essendo un prodotto di così vasto utilizzo in termini di persone e finalità, possibile che ci siano differenze rilevanti? grazie

    RispondiElimina
  2. Ma se mi finisce l'alcol negli occhi che succede?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Niente di irreparabile, a meno che non succeda spesso.

      Elimina
  3. Salve, uso un vaporizzatore le cui parti vanno pulite con alcool, e a volte usandolo dopo averlo pulito sento di respirare alcool (denaturato).Succede per ora circa una volta ogni 4 o 5 pulizie e se sento il sapore me lo ritrovo più affievolito nei successivi primi due o tre utilizzi.Adesso starò più attento nel risciacquare ed asciugare i componenti ma potrà risuccedere, e potrei non accorgermi di una bassa percentuale di residuo che rimane in ogni caso. .. è un problema? Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ok, però per sicurezza sono passato all'alcool buongusto che è per alimenti, peccato costi molto di più

      Elimina
  4. perche non si puo usare per barbecue??

    RispondiElimina
  5. Una Collega lo usa tutti i giorni per pulire il suo tavolo in un ambiente poco ventilato e sento sempre di respirarlo per alcuni minuti dopo che l'ha usato. Che rischi corro?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sempre meglio ventilare o non respirare i fumi, comunque non mi preoccuperei più di tanto.

      Elimina
  6. Ho messo per 5 volte sulle braccia e sulle gambe l'alcool per le zanzare. Ci possono essere effetti negativi gravi?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Direi di no, però meglio utilizzare prodotti appropriati.

      Elimina
  7. L ho usato su una ferita, abbastanza grande, comportera dei danni?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Parla con il medico condotto e fagli vedere la ferita, in linea di massima l'uso occasionale non è un grosso problema.

      Elimina
  8. Salve, spruzzare alcool puro con acqua sulle gambe fa diminuire la visibilità di vene e capillari?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questa domanda deve porla al suo medico curante.

      Elimina
  9. L'alcool può andare bene in caso di infestazione acuta da pidocchi. Ovviamente per ovvie ragioni può finire sulle punture e bruciare un poco, ma se si tratta di una disinfestazione che di solito può avvenire una volta o due nella vita, non dovrebbe essere un problema eccessivo.
    Quello che è certo, dopo almeno un lavaggio (assolutamente con successivo e abbondante risciacquo) i pidocchi sono tutti morti.
    Abbiamo sempre fatto così in casa, sempre funzionato. Basta fare una prova: prendi una bacinella con un dito di alcool, se un insetto vi finisce dentro, muore all'istante, contro agli shampoo anti-pediculosi costosi e non sempre efficaci.

    Ricordarsi sempre di fare attenzione a fonti di calore e scintille, e di sciacquare molto molto bene.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È ovvio che i normali shampoo non funzionano come l'alcool, te usi il veleno contro di loro e sulla tua pelle.

      Elimina
  10. Usarlo diluito con acqua mantiene la sua efficacia attenuando la tossicità?

    RispondiElimina
  11. E' possibile usare l'alcol denaturato su superfici che poi entrano in contatto con prodotti alimentari?
    Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci sono prodotti specifici che igienizzano ed indicati per gli alimenti.

      Elimina
  12. Buongiorno io l'ho utilizzato recentemente per pulire le pareti interne del congelatore può creare danni ai cibi al suo interno?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No però ci sono prodotti più adatti

      Elimina
  13. Va bene a disinfettare gli strumenti per la pedicure?

    RispondiElimina